Oggi vogliamo discutere delle varie vicende che stanno accompagnando le attuali stelle della boxe. Iniziamo dalla categoria di peso più “piccola”:

Vasyl Lomachenko,
Nell’ultimo combattimento, che gli ha permesso di conquistare la cintura WBA nella categoria dei pesi leggeri -già campione WBO nei super piuma- ha subito un brutto strappo muscolare. Tutto risolto con un intervento chirurgico. Infatti i medici lo dicono già pronto ed operativo entro quest’anno. Ci si chiede dunque, chi sarà il prossimo avversario dell’ucraino.
Le strade da prendere attualmente -probabilmente a dicembre- sono 2 ed in entrambi i casi si tratta di match per unificare i titoli tra i pesi leggeri.
La prima riguarda il quasi 37enne campione WBO Raymundo Beltran (35-7-1. 21Ko), la seconda -e sicuramente più apprezzata dai fan- vede come avversario il campione WBC Mikey Garcia (38-0-0. 30Ko). Purtroppo, Vasyl sembrerebbe orientato per ora a conquistare la cintura WBO. Ha dichiarato che il test migliore dopo l’infortunio è Beltran.

Nel mondo dei pesi medi invece c’è grande attesa per il rematch del secolo: il messicano “Canelo” Saul Alvarez (49-1-2. 34Ko) VS il kazako “GGG” Gennady Golovkin campione WBC, IBF e WBA (38-0-1. 34Ko).
Abbiamo già ampiamente discusso delle vicende che hanno animato il confronto tra le due stelle. Dopo un fantastico combattimento finito in pareggio, la resa dei conti era stata fissata per il 5 maggio. Purtroppo la stella messicana è stata trovata positiva a sostanze proibite in test antidoping -per saperne di più: https://www.tuttoboxe.it/2018/04/18/ufficiale-canelo-alvarez-sospeso-per-sei-mesi/ – ricevendo una sospensione dal quadrato di 6 mesi.
Attualmente i manager dei due combattenti stanno contrattando per le “borse” dei propri pugili. Ad oggi, sembrerebbe che lo staff di Canelo abbia in mente un 65-35% a favore del proprio pugile. Percentuale che ovviamente il detentore delle tre cinture non può proprio accettare. A far sperare in un accordo c’è la ferrea volontà da parte di GGG di voler lavare quell’unico pareggio in carriera. Sembrerebbe che la data più probabile per la resa dei conti -sempre se avverrà- è settembre, nello specifico il giorno dell’anniversario d’indipendenza messicana.
Inoltre un altro piccolo intoppo potrebbe essere rappresentato dal fatto che, se Golovkin vuole mantenere ancora la cintura IBF, è obbligato ad affrontare lo sfidante Sergey Derevyanchenko entro il 3 agosto. Disputare due combattimenti di alto livello nel giro di poco più di un mese è davvero improbabile. Ci chiediamo dunque, cosa avrà in mente Gennady.

Tra i pesi massimi è ormai giunta l’ora di unificare le 4 cinture più apprezzate nel mondo della boxe. Il campione WBA, WBO ed IBF Anthony Joshua (21-0-0. 20Ko) è quasi arrivato a coronare il suo sogno. E’ ad un passo, per affermarsi come l’unico ed indiscusso campione nella categoria dei pesi massimi. Resta solo un ultimo ostacolo prima di riuscire nell’impresa: il campione WBC Deontay Wilder (40-0-0. 39Ko).
Il britannico Joshua ha da poco sconfitto l’ex campione WBO Parker – per saperne di più sul combattimento: https://www.tuttoboxe.it/2018/04/01/joshua-resta-in-vetta-stringendo-anche-la-cintura-wbo/ – e subito dopo sono iniziate le trattative per affrontare Wilder.
Per ora la situazione è in stallo, il promoter di Anthony sta facendo di tutto per organizzare il combattimento nella patria del suo atleta, in Inghilterra. Questo nonostante l’offerta di 50 milioni di dollari per disputare il combattimento negli USA. Al momento la contrattazione non ha avuto alcun esito, nessuno dei due promoter sembrerebbe far passi indietro. Inoltre anche Joshua a settembre ha uno sfidante obbligato nella federazione WBA: Alexander Povetkin (34-1, 24 KO). Bisogna vedere se riusciranno a “sbrogliare la matassa” nel breve periodo o slitterà, per l’ennesima volta, il combattimento che migliaia di appassionati aspettano.

Lascia un commento