Finalmente, l’incontro più atteso del 2018 si è concluso, Canelo Saul Alvarez (49-1-2. 34Ko) ha affrontato il campione IBF WBA ed IBO dei pesi medi GGG Gennady Golovkin (38-0-1. 34Ko).

Per comprendere appieno la frenesia esplosa attorno a quest’ultimo combattimento tra i 2 fenomenali atleti, bisogna sfogliare a ritroso le pagine dalla boxe internazionale.
Come tutti sanno questo è un remake del primo combattimento svoltosi il 16.09.2017, incontro che ha avuto come esito un pareggio (il primo della carriera per l’Ucraino GGG).
Un verdetto molto discusso da tutti gli appassionati della “Noble Art” -secondo la redazione un giusto  verdetto- che ha lasciato spazi a critiche ed interpretazioni delle più svariate, ovviamente ne abbiamo già discusso: https://www.tuttoboxe.it/2017/11/30/ggg-gennady-golovkin-vs-canelo-saul-alvarez-la-rivinicita/
Ovviamente per un match così discusso il remake è indispensabile, difatti le parti si incontrarono e decisero la data del sei maggio per “la resa dei conti”.
Purtroppo però il Messicano Canelo viene squalificato a causa di una contaminazione da clenbuterolo – Canelo attribuì l’intossicazione alla carne messicana -, ovviamente anche qui i commenti e gli sfottò non mancarono:
https://www.tuttoboxe.it/2018/04/04/slitta-canelo-vs-ggg/
https://www.tuttoboxe.it/2018/03/27/alvarez-sospeso-per-doping/
https://www.tuttoboxe.it/2018/04/18/ufficiale-canelo-alvarez-sospeso-per-sei-mesi/
Terminato il periodo di squalifica, i manager dei due combattenti intavolano discussioni su discussioni, ognuno per trarre il miglior vantaggio economico. Sino a quando nella seconda settimana di giugno si giunge finalmente alla conclusione delle trattative – https://www.tuttoboxe.it/2018/06/14/e-ufficiale-la-rivincita-del-secolo-e-nei-pesi-medi/ – che ci portano ad oggi:
Un match iniziato con il migliore dei modi, i due atleti si sono continuamente misurati al centro del ring. Un Canelo completamente diverso dal primo combattimento, il messicano questa volta ha tentato continuamente di tenere il centro del ring. Sarà stato un arduo compito per i giudici di gara assegnare il punteggio, in quanto tutti i round si sono svolti in maniera abbastanza equilibrata. La redazione si è arrogata il diritto di dare il suo punteggio:
Le prime 3 riprese le affida leggermente ad Alvarez – ad eccezione della prima -che forse ha fatto qualcosa in più rispetto al campione in carica. La quarta e la quinta a Golovikin, con una sesta nuovamente a favore di Canelo. La settima ed ottava ci sentiamo di aggiudicare un pareggio, forse qui i giudici hanno notato una maggior incisione del messicano. La nona ripresa è stata una delle più fantastiche, GGG inizia con tutta la grinta che possiede, ma Canelo risponde in maniera egregia ingaggiando una battaglia a viso aperto, pari. La decima ripresa è stata nettamente a favore di Golovkin, che per un attimo grazie ad un diretto è riuscito a far barcollare l’avversario. Alvarez risponde bene con una serie di schivate unite ad ottime combinazioni, ma non bastano per non farci affidare la conquista del round al cazako. La undicesima ripresa è stata anche questa in leggero vantaggio di GGG, e per terminare una dodicesima ripresa davvero entusiasmante. I due pugili si sono affrontati a viso aperto, regalando uno spettacolo che si può ammirare davvero pochissime volte. La dodicesima ci sentiamo di affidarla a Golovkin. Ricordiamo che è stato un combattimento fantastico, ed entrambi i pugili hanno dato davvero il massimo.
L’esito dei cartellini però ha premiato Canelo Saul Alvarez facendogli conquistare le cinture WBC, WBA e IBO dei pesi medi, con un punteggio di: 114-114  115-113  115-113.
Crediamo che ogni tipo di commento sull’esito sia superfluo, entrambi i pugili hanno dato il massimo, e la vittoria è stata “strappata” per un soffio.
Video:
https://www.youtube.com/results?search_query=canelo+vs+ggg+2+full+fight+

 

Segnaliamo il combattimento avvenuto tra il 21enne messicano Jaime Munguaia (30-0-0. 25Ko) contro il 32enne canadese Brandon Cook (20-1-0. 13Ko), valido per il titolo mondiale WBO dei superwelter. Un match già chiaramente a  senso  unico,  a favore del giovanissimo detentore del titolo. Dopo una prima ripresa con i primi periodi di studio, Cook è stato letteralmente salvato dal gong, ricevendo una massiccia combinazione di colpi sul finire della ripresa. Una seconda ripresa palesemente a favore di Munguaia, dove però lo sfidante ha dimostrato tutto il suo coraggio. La terza e decisiva ripresa è terminata per Ko, grazie all’intervento del giudice di gara, che ha ben valutato  – Cook aveva già subito un brutto atterramento nello stesso round – di interrompere il match per “salvare” il canadese costretto alle corde da potente colpi inferti dal campione in carica.
Video:
https://www.youtube.com/results?search_query=munguaia+vs+cook+full+fight

Facebook Comments

Lascia un commento